@SowreLab: The Future of Retail

FWD.us

FWD.us

Apr 15, 2013

here we arehere we are

L’immigrazione è il primo processo di crescita di un paese, se hai la capacità, la voglia e la conoscenza di lavorare e impegnarti, nessun confine ti dovrebbe essere precluso. Invece la protezione degli spazi è da sempre battaglia elettorale delle forze conservatrici che puntano sulla paura del diverso, sulla guerra tra poveri e sulla protezione del proprio orto.

Mentre in Italia abbiamo una classe dirigente che fatica a scrivere una mail o mandare un SMS, negli USA 30 dei più influenti uomini di tecnologia fondando un gruppo, senza connotazione politica, che ha lo scopo di riformare le politiche americane in fatto d’immigrazione, scuola e ricerca scientifica. La base del loro assunto nasce dal fatto che ad esempio il 40% delle 500 aziende valutate da Fortune nel 2010 era di immagrati o figli degli stessi, il 57% degli ingegneri è di origni straniere e che l’America è una nazione d’immigrati.

Il progetto FWD.us è ambizioso e vuole coinvolgere tutti quelli che credono che le cose si possano cambiare, sfruttando la viralità dei Social Network il progetto vuole arrivare alla base del sistema e ribaltarlo dall’interno. Le nazioni sono spazi fisici creati dagli uomini, siamo noi la nazione, non possiamo credere che un documento o una carta moneta possano renderci meno uguali di altri. Come abbiamo detto più volte le nuove nazioni si chiamano Facebook, Twitter e Youtube questo perchè le persone possono scegliere dove stare a prescindere da dove sono nate e non vogliono sentirsi costrette da scelte fatte da altri, molti si stanno accorgendo di quanto sia bello poter esprimere liberamente il loro punto di vista senza per questo doversi legare a movimenti o gruppi ideologici. Sicuramente non finiremo proiettati nel Cyberspazio in stile Matrix ma sicuramente stiamo cambiando il modo di vivere e comunicare, questo cambiamento si deve per questo riflettere anche nei processi di riforma delle regole sociali. Ci aspettavamo proposte complete dalla nostra classe dirigente e invece è arrivata da chi vive d’innovazione.

Gli Stati Uniti sono da 521 anni il passo più lungimirante della storia dell’uomo, forse perché sono nati con l’immigrazione, forse perché non hanno mai avuto un Re o forse perché doveva andare così. L’America viene spesso dipinta come il male assoluto, legata ad un modello di consumismo e ad una militarizzazione sfrenata, eppure se ci fermiamo a guardare quello che ci circonda il 90% delle cose è nata da idee o prodotti made in USA.

La silicon valley è da qualche anno l’unica regione del mondo che può coltivare e produrri un sogni,  da oggi ci sono 30 led che provano ad illuminarne il cammino.

 “to build the knowledge economy the NATIONS needs to ensure more jobs, innovation and investment.”

Leave a Reply